Raccontare storie

Ci sono diversi modi per accedere al campo unificato di coscienza. Uno di questi è raccontare storie. La verità delle storie si pone su un piano del tutto diverso dalle verità scientifiche, ma è attraverso le storie, più che attraverso la scienza, che è possibile avvicinarsi alle verità spirituali più profonde.
Poco più di dieci anni fa le mie guide incorporee mi hanno invitato a dialogare con i luoghi naturali e in particolare con i santuari megalitici della Sardegna e seguendo le loro indicazioni dopo alcuni approcci un po’ maldestri ho imparato ad ascoltare e a raccontarmi le storie che le pietre mi rivelavano. In questo modo sono entrato in contatto con lo sciamano Nur e con l’antica civiltà megalitica dei Sar’d. Spesso quello che mi arrivava – che tutt’ora mi arriva quando mi reco in un sito nuragico o prenuragico – erano solo dei frammenti, che poi stava a me ampliare ed elaborare. In questo modo le storie si precisavano e si arricchivano, suscitando in me delle profonde risonanze e spesso un cambiamento interiore e un potenziamento delle mie capacità sciamaniche.
Come ulteriore passo nel recupero delle memorie della Nuraxia nell’autunno di due anni fa ho dato vita al Progetto Interstellar insieme a Francesca Erriu e Roberto Sanna. Il Progetto Interstellar è finalizzato al recupero della maestria spirituale degli antichi Sar’d e alla riconnessione con le tante civiltà stellari con le quali erano in contatto. In un percorso non lineare che si svela ai nostri occhi passo dopo passo siamo stati guidati nei luoghi in cui le identità nuragiche collegate alla nostra attuale identità hanno vissuto e operato. Abbiamo svolto dei rituali e abbiamo recuperato parte delle nostre memorie.
Uno degli strumenti che ci è stato indicato per il recupero delle memorie è la scrittura, e certo non è un caso che tutti e tre siamo degli scrittori da molto prima di iniziare questa avventura. Ognuno di noi ha un proprio peculiare modo di usare questo strumento. Io inizio a scrivere partendo dai frammenti, appunto, che ho ricordato nel corso dei nostri lavori nei santuari megalitici o durante una meditazione, e poi la storia praticamente si scrive da sé, e affiorano episodi e dettagli che io stesso non so da dove siano venuti, anche se ovviamente la mia mente logica mentre scrivo cerca di dare al racconto una struttura che sia leggibile e fruibile prima di tutto da me stesso.
Nello scorso autunno ho iniziato a scrivere la “biografia” dello sciamano Nur a partire dalla sua prima nascita sulla nostra isola (gli sciamani nuragici rinascevano più volte in Sardegna nel corso del tempo mantenendo la consapevolezza della propria identità). Ho scritto di getto nel giro di pochi giorni i capitoli che ho pubblicato nei post precedenti, poi all’improvviso mi sono bloccato. Come ho detto il percorso del Progetto Interstellar è un percorso non lineare. A quel punto stava iniziando per noi il recupero e la purificazione del Degrado, la decadenza e l’imbarbarimento della civiltà dei Sar’d causata da esseri a bassa frequenza provenienti da un’altra dimensione. Perciò non ho potuto far altro che interrompere la scrittura della prima vita di Nur e iniziare a scrivere, con le stesse modalità, la storia del Degrado dei Sar’d raccontata anch’essa, ovviamente, dal punto di vista dello sciamano Nur. Anche Roberto e Francesca hanno fatto lo stesso. I loro scritti sono in parte pubblicati nei loro blog Il libro dei Saar e Dalla stella alla terra. Insieme ai miei hanno lo scopo non tanto di ricostruire linearmente la storia dei Sar’d ma di suscitare risonanze e memorie nei lettori.
Raccontiamo storie per far emergere una verità che non vuole essere storica o scientifica ma cosmica e spirituale, e per ritrovare l’orgoglio della maestria che anticamente, in altri tempi e fuori dai tempi, ha fatto di quest’isola un centro di luce conosciuto e rispettato in tutta la Galassia.
Nei prossimi post pubblicherò la storia del Degrado che Nur mi ha raccontato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...