I Sette Fondatori

Quando il tempo giusto arrivò il Saar ­− la Sorellanza Stellare − fu fondato.
Per molto tempo gli sciamani Sar’d avevano appreso dai Saar la maestria dell’energia e delle pietre. Si erano uniti agli Esseri di Fuoco e dopo essere diventati Maestri del Fuoco avevano creato il Clan del Fuoco.
Nel corso del tempo erano entrati in contatto con le Popolazioni Stellari. Dopo i Saar erano arrivati i Sir, dalla stella Sirio. Poi gli Haar, da Arturo. I Dorati, dalle Pleiadi. Quando la settima Popolazione Stellare si presentò, si diffuse una grande eccitazione. Da tempo si parlava di creare la Sorellanza Stellare, un’unione basata sull’amore e sulla condivisione. Ma non era stato ancora possibile concretizzare quell’idea. Non c’era abbastanza energia, qualcosa ancora mancava. Solo quando i Fratelli e le Sorelle Venusiane si presentarono alla sciamana Orya offrendo in dono il loro amore e la loro allegria le giuste condizioni vennero raggiunte.
Fu lo sciamano Aleph a dare il segnale. Convocò gli altri sei Fondatori nella Valle della Divinità, l’Omphalos, il Cuore delle Terra dei Sar’d, dove Nur aveva incontrato i Saar per la prima volta (e dove ora sorge il santuario megalitico di Biru ‘e concas, nei pressi di Sorgono).
I Fondatori furono scelti per la loro connessione con le Popolazioni Stellari e per la loro disponibilità ad espandersi e a diventare un’entità collettiva della quale tutti gli sciamani e le sciamane Sar’d potessero far parte. Ognuno dei Fondatori era collegato a una delle sette Popolazioni Stellari e a uno dei Sette Raggi. Le sciamane fondatrici erano quattro ed erano collegate a uno dei quattro elementi. Gli sciamani fondatori erano tre, e ognuno di loro aveva una diversa funzione.

Lo sciamano Aleph, detto anche lo Sciamano del Nord, era connesso agli Arturiani e al Raggio Rosso. Il suo compito era di dare l’impulso con la Maestria dell’Intento e di fare da perno per gli altri Fondatori.
Lo sciamano Nur era il custode del Nur, il Fuoco Bianco che unisce e dà vita. Aveva il compito di accendere il Fuoco Bianco. Era connesso al Popolo di Luce del Sole Centrale e al Raggio Giallo.
Lo sciamano Nun aveva il compito di espandere il Fuoco Bianco sintonizzandolo sulle frequenze dell’amore incondizionato. Era connesso ai Saar e al Raggio Verde.
La sciamana Tara era connessa ai Siriani e al Raggio Blu. Il suo elemento era l’acqua, in particolare era collegata al Maar, il Mare Interno. Tara in un certo modo era anche l’unione delle Quattro Fondatrici.
La sciamana Delah era connessa ai Pleiadiani e al Raggio Dorato. Il suo elemento era il fuoco, e permetteva a Nur di collegarsi al Fuoco Interno della Terra dei Sar’d prima di accendere il Fuoco Bianco.
La sciamana Orya era connessa ai Venusiani e al Raggio Rosa. Il suo elemento era la terra e facilitava i rapporti con la Terra Interna e gli esseri che la abitavano..
La sciamana Anya era connessa alla Popolazione Stellare di Vega e al Raggio Viola. Il suo elemento era l’aria. Facilitava i collegamenti con le Popolazioni Stellari.

I Sette Fondatori si riunirono dunque nella Valle della Divinità. Nella Valle confluirono anche centinaia di sciamani e sciamane da tutta la Terra dei Sar’d. Le astronavi delle Sette Popolazioni Stellari Fondatrici si disposero a stella sopra la Valle.
Gli sciamani e le sciamane Sar’d formarono degli ampi cerchi attorno ai Sette Fondatori. Col cuore traboccante di gioia lo sciamano Aleph diede allora inizio al Rito di Fondazione. Da quel momento il Saar, la Sorellanza Stellare sarebbe stata indissolubile.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...